Analisi fondamentale e tecnica

Analisi fondamentale o analisi tecnica: qual è la strategia migliore per investire?

Per chi deve investire in asset finanziari, è molto importante riuscire a prevedere la possibile direzione dei mercati. I quali, sono per definizione volatili, ovvero caratterizzati da una serie di sommovimenti i quali possono vanificare le speranze degli investitori e, soprattutto, far evaporare buona parte dei soldi da essi puntati.

Troppo spesso, però, chi opta per questo genere di investimento lo fa fidandosi di poche e frammentarie informazioni. O, magari, in quanto spinto dalla moda del momento. Non sono pochi coloro che orecchiando le notizie relative al Bitcoin decidono da un giorno all’altro di acquistarlo, pensando di poter partecipare ad un rally infinito. Purtroppo non è così: anche BTC, come del resto ogni tipo di asset finanziario, alterna momenti di splendore ad improvvisi ripiegamenti.

Quanto detto sinora spiega la necessità di formarsi un bagaglio di competenze prima di puntare i propri soldi su una azione, materia prima, certificato di investimento o qualsiasi altro bene di questo genere. Una esigenza che del resto è favorita proprio dalle piattaforme di trading online, le quali ormai da tempo assicurano servizi in tal senso. Chi pensa di poterne fare a meno può essere considerato un aspirante suicida, a meno di non poter già vantare un know-how pregresso.

Analisi fondamentale e tecnica: due strumenti molto preziosi

Per chi vuole dotarsi di strumenti in grado di evitare rotte disastrose nelle proprie operazioni di trading, è praticamente impossibile prescindere dall’analisi fondamentale e tecnica. Si tratta infatti di strumenti analitici i quali possono aiutare a comprendere meglio il legame tra la situazione economica e gli asset che sono scambiati sui mercati finanziari.

Se è vero che molto spesso i secondi procedono secondo dinamiche che sembrano avere poco a che vedere con la prima, è altrettanto vero che difficilmente un determinato asset può resistere ad una situazione reale. Basta ricordare quanto accaduto a chi aveva puntato sul petrolio prima della pandemia di Covid, per capire meglio il concetto. Nei giorni in cui molti Paesi di ogni parte del globo hanno optato per la chiusura delle attività produttive, infatti, i trasporti sono stati praticamente azzerati. Con il petrolio invendibile a saturare le piazze di stoccaggio, il suo prezzo sul mercato è andato a finire addirittura sotto zero, provocando perdite disastrose per gli investitori.

Se il coronavirus rappresenta un fattore impossibile da prevedere, va però ricordato che determinati trend possono invece essere intuiti per tempo. Aiutando quindi il trader a operare al meglio. Per farlo, occorre dispiegare appunto l’analisti fondamentale e quella tecnica. Sapendo che non sono la stessa cosa.

Analisi fondamentale: di cosa si tratta?

L’analisi fondamentale prende in esame una serie di fattori macroeconomici, ovvero quella parte della materia la quale va ad occuparsi dell’economia di nazioni, gruppi di esse, oppure di determinati comparti economici di un Paese.
Ovvero sui fattori fondamentali, una categoria in cui rientrano in particolare:

  • le notizie economiche;
  • le voci relative ai mercati, ad esempio le acquisizioni di aziende o le fusioni tra di esse;
  • gli eventi legati alla politica;
  • i possibili conflitti, anche di carattere economico.

In pratica, coloro che utilizzano questo approccio cercano di individuare quegli aspetti economici in grado di orientare le tendenze di prezzo e di utilizzarli al fine di anticipare il movimento dei mercati ed ottenere dei profitti.

Che cos’è l’analisi tecnica?

Per analisi tecnica si intende invece la disciplina la quale prevede lo studio dei grafici al fine di interpretare i momenti in cui una determinata tendenza si forma o subisce una inversione.

L’idea di fondo è che lo storico dei grafici del prezzo e delle statistiche di mercato possa aiutare ad elaborare una previsione abbastanza attendibile dell’andamento dei prezzi nel futuro. Per farlo, vengono utilizzati strumenti come i livelli di supporto e resistenza, le medie mobili e altri.

In cosa differiscono?

Qual è la differenza tra analisi fondamentale e tecnica? Per capirlo occorre prendere in considerazione alcuni fattori molto importanti, a partire dal timing, ovvero il momento ideale per prendere posizione sul mercato. Sbagliare il timing può compromettere in parte o totalmente il risultato finale dell’operazione inaugurata. Per quanto riguarda questo aspetto, secondo gli esperti l’analisi tecnica offre maggiori garanzie in quanto i livelli chiave ottenuti dallo studio dei grafici riescono a dare un’idea più compiuta del trend in atto.

Il secondo aspetto da considerare è poi rappresentato dalla flessibilità, intesa come capacità di adattamento, altra caratteristica nella quale l’analisi tecnica segna un punto a suo favore. Il motivo è da ricercare nel fatto che offre la possibilità di optare per gli stop loss e di pianificare i diversi obbiettivi, in ogni possibile time-frame.

L’analisi tecnica inoltre va ad incorporare elementi di quella fondamentale. In tal modo offre la possibilità al trader di concentrarsi sul grafico, eliminando una serie di variabili che potrebbero allontanarlo dall’obiettivo.

Un quarto punto in grado di segnare la differenza è poi la difficoltà di reperire le informazioni necessarie per l’analisi fondamentale. Una limitazione la quale riguarda però solo gli investitori comuni. I grandi fondi, infatti, sono in grado di maneggiare dati di grande importanza e su questi costruire le loro fortune.

Si possono usare entrambe le tecniche per il proprio trading

Andare a stabilire se una delle due tecniche in questione è superiore all’altra, però, è considerata operazione abbastanza inutile dagli stessi trader di successo. Molti di loro, infatti utilizzano l’analisi fondamentale per dare luogo ad una predizione attendibile di cosa potrebbe accadere sui mercati e quella tecnica, ovvero i grafici, al fine di individuare il momento giusto per prendere posizione. Un mix in grado effettivamente di assicurare notevoli vantaggi, ove sfruttato al meglio.

Non hai trovato quello che cercavi?

» Cercalo su Amazon «

Non hai trovato quello che cercavi?

Cerca il tuo libro su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *