USA Italia

Azioni Italia vs USA. Cos’è meglio?

Chi è residente in Italia molto spesso preferisce investire solo in azioni che sono quotate in Borsa a Piazza Affari. E questo avviene in genere perché è più facile, rispetto per esempio a Wall Street, fare delle ricerche, acquisire informazioni chiave ed avere un maggior controllo sul proprio portafoglio azionario. Ma siamo sicuri che sia davvero così?

Azioni Italia vs USA, la trappola mentale sugli investimenti in Borsa

La verità in realtà è data dal fatto che spesso vige una sorta di trappola mentale sugli investimenti che è detta anche ‘home bias‘ (pregiudizio nazionale) e che, nel confronto tra Italia e USA, ci porta ad acquistare i titoli di Piazza Affari rispetto a quelli di Wall Street. Ma in realtà ci sono aziende italiane quotate che sono dei grandi esportatori, e che quindi generano solo una quota minoritaria dei ricavi nel nostro Paese, così come ci sono società americane che esportano molto in Italia ed in tanti altri Paesi del mondo.

Di conseguenza, può essere considerata italiana un’azienda che, per esempio, genera il 90% dei propri ricavi all’estero? Certo, l’azienda è dal punto di vista societario e legale del tutto italiana, paga le tasse nel nostro Paese ma in realtà ha una forte vocazione internazionale, e quindi è più ‘straniera’ di quanto si possa davvero pensare. Di conseguenza, l’italianità o meno di un’azienda quotata a Piazza Affari si può andare a rilevare dando un’occhiata ai bilanci con il focus, in particolare, alla composizione geografica del fatturato.

Investire in azioni avendo dei pregiudizi, niente di più sbagliato

L’home bias è pericoloso quando si investe in azioni, in quanto avere dei pregiudizi è dannoso sotto ogni punti di vista, dalle perdite in conto capitale al fatto che in questo modo, senza una visione aperta e globale sui mercati, si possono pure perdere delle importanti opportunità ed occasioni di guadagno. Quella di avere un maggior controllo nel comprare titoli italiani, rispetto invece, e per esempio a quelli USA; è solo una sensazione, ma in realtà non è assolutamente così.

Per esempio, un investitore italiano che compra e che vende titoli di Piazza Affari può accedere alle stesse informazioni dell’investitore americano che negozia azioni sul FTSE MIB, e quindi la questione relativa alla sensazione di un maggior controllo del proprio portafoglio può essere tranquillamente archiviata come non vera. Allo stesso modo vale il contrario, il che significa che il cittadino americano che compra le azioni della Apple ha accesso alle stesse informazioni del trader italiano che decide di acquistare i titoli della società di Cupertino.

I rischi comprando solo le azioni italiane, sono almeno due

Per quanto detto, quindi, non c’è nessuna pregiudiziale nel preferire le azioni italiane rispetto a quelle USA. Pur tuttavia, quali danni provoca investire solo in azioni italiane? In tal caso gli svantaggi sono principalmente due e sono i seguenti: la scarsa diversificazione geografica e, come sopra accennato, la perdita di altre opportunità nel ricercare titoli azionari esteri appetibili non solo a Wall Street, ma anche in altri Paesi del mondo.

Non hai trovato quello che cercavi?

» Cercalo su Amazon «

Non hai trovato quello che cercavi?

Cerca il tuo libro su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *