Recordati

Azioni Recordati in grande crescita

Nella giornata odierna, c’è da registrare l’ottima performance delle azioni Recordati. Il gruppo farmaceutico, infatti, ha messo a segno la performance migliore all’interno del listino principale della Borsa di Milano. Una performance la quale è dovuta a due fattori principali.

Le indicazioni sul farmaco Isturisa

Il primo fattore di questa avanzata è da ravvisare nelle indicazioni relative al farmaco Isturisa. Recordati ha infatti emesso una nota per annunciare i riscontri positivi del secondo studio registrativo di Fase III LINC-4 con Isturisa (osilodrostat), quello relativo al trattamento dei pazienti affetti dalla malattia di Cushing per i quali l’intervento chirurgico all’ipofisi non sia indicato oppure non abbia dato esito risolutivo.

Il giudizio rilasciato da Richard Feelders, dottore Associato di Endocrinologia all’Erasmus University Medical Centre di Rotterdam, afferma infatti che il farmaco si dimostra alla stregua di una  terapia efficace e ben tollerata per la malattia di Cushing, andando a ridurre in maniera significativa i livelli medi di cortisolo libero urinario, sino a normalizzarli nella maggior parte dei pazienti.

Il giudizio di Goldman Sachs

Il secondo fattore che ha spinto il titolo di Recordati è invece il giudizio rilasciato da Goldman Sachs. Secondo gli analisti dell’agenzia, infatti, le implicazioni di Istirusa sarebbero sin troppo sottovalutate, se si pensa che dalla sua vendita potrebbero arrivare ricavi fino a 450 milioni di euro, contro una guidance societaria decisamente inferiore, attestata a circa 100 milioni. Un dato il quale deriva proprio dalla scarsità di farmaci di questo genere presenti sugli scaffali delle farmacie.

Per effetto di questa considerazione, Goldman Sachs ha elevato il giudizio sul gruppo farmaceutico da “neutral” a “buy”, portando il prezzo obiettivo da 40 a 51,8 euro. Un incremento molto significativo, se si pensa che il potenziale upside farebbe seguito ad un trimestre nel corso del quale le azioni di Recordati hanno dato vita ad un rally pari al +24%.

Non hai trovato quello che cercavi?

» Cercalo su Amazon «

Non hai trovato quello che cercavi?

Cerca il tuo libro su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *