Insetti commestibili

Gli innumerevoli benefici degli insetti commestibili nell’alimentazione sportiva

Nello sport si tende spesso a mangiare in modo “classico”. Allo stesso tempo, aggiungiamo anche integratori alimentari ricchi di proteine ​​come il siero di latte alla nostra alimentazione . Questa è sicuramente una buona soluzione, ma c’è un’altra risorsa che porta benefici molto migliori: gli insetti commestibili.

Oltre a rappresentare un vero interesse nutrizionale per gli sportivi grazie alle proteine, il consumo di insetti commestibili è probabilmente il futuro della nostra dieta e della nostra ecologia.

L’entomofagia rappresenterebbe una soluzione nutrizionale ideale per gli sportivi ? Pensiamo di sì. Ecco perché.

Insetti, sport e proteine

Vogliamo sempre più proteine. Queste macromolecole composte da aminoacidi rappresentano il Santo Graal per molti atleti, perché permettono, tra l’altro, di costruire muscoli e recuperare meglio .

Tendiamo a rimanere nella nostra zona di comfort quando si parla di alimentazione sportiva , circondati da presupposti e informazioni datate. Pertanto, pensiamo che mangiare pollo, pesce, uova o manzo sia una soluzione collaudata che ci permetterà di consolidare il nostro sistema muscolare. Non falso.

Solo, tieni presente che queste non sono le migliori assunzioni proteiche esistenti. Infatti, la quantità di proteine ​​presenti negli insetti commestibili è da 2 a 3 volte maggiore di quella che si trova nel manzo o nel pollo.

In particolare, si stima che la carne di manzo contenga circa 26 g di proteine ​​per 100 g di carne, mentre il grillo ha oltre 58 g di proteine ​​per 100 g e le larve 54 g.

Sii rassicurato. Siamo sportivi e non partecipanti di Koh-Lanta. Non si tratta di mangiarli crudi. Soprattutto perché può essere pericoloso se l’insetto non è cotto.

Ci sono più di 2000 specie di insetti commestibili nel mondo. Queste fonti proteiche si consumano grigliate, fritte, zuccherate o salate con gusti diversi. Ampiamente consumati in Africa, Asia, Centro e Sud America, si ritiene che gli insetti commestibili rappresentino circa il 50% dell’assunzione di proteine ​​in alcune popolazioni. Allo stesso modo, uno studio ha osservato che il numero di insetti venduti sul mercato nella sola città di Bangkok ammontava a 164 specie diverse.

Ricchi di proteine: sì, ma non solo!

Il cibo è uno dei pilastri più importanti della nostra salute. Questo è tanto più vero quando si pratica un’attività sportiva. Infatti, una dieta equilibrata con i giusti apporti può migliorare la nostra resistenza, il nostro recupero e le nostre prestazioni. Allo stesso modo, un apporto nutritivo sufficiente riduce anche la frequenza degli infortuni nello sport.

Oltre ad essere ricchi di proteine, gli insetti commestibili sono solide fonti di vitamine, minerali e oligoelementi.

C’è una buona concentrazione di omega 3, ferro (il doppio rispetto alla carne di manzo), zinco o addirittura magnesio. Alcuni insetti permettono di coprire il nostro apporto giornaliero con alcune vitamine e minerali  ; come il grillo ricco di vitamina B12.

Vuoi continuare a praticare il tuo sport in un ambiente sano?

La nostra popolazione continua a crescere e le riserve di cibo sono sempre più scarse. Optare per gli insetti commestibili è una soluzione scelta dal punto di vista nutrizionale ed ecologico.

Si stima infatti che la coltivazione degli insetti commestibili richieda metà della terra come per le nostre carni classiche.

Fare sport è preservare la tua salute. Preservare il pianeta significa anche preservare la nostra salute.

Hai paura di iniziare ? Ricorda che anche gamberetti, scampi e aragoste possono essere considerati insetti marini di cui ci divertiamo.

Non hai trovato quello che cercavi?

» Cercalo su Amazon «

Non hai trovato quello che cercavi?

Cerca il tuo libro su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.