Bonus Vacanza 2020: requisiti, come funziona e come ottenerlo

Bonus Vacanza 2020: requisiti, come funziona e come ottenerlo

Bonus Vacanza 2020

Il Bonus Vacanza, o tax credit vacanze, è una misura introdotta dall’articolo 176 del Decreto Rilancio al fine di far ripartire il settore turistico italiano attraverso degli incentivi, sotto forma di credito di imposta, in favore dei turisti.

Cos’è

Si tratta di un credito di imposta fino a 500 € destinato ad ogni nucleo familiare per il pagamento di servizi turistici offerti in ambito nazionale da hotel, villaggi vacanze, agriturismi e b&b…

Si può usufruire del “tax credit vacanze” per l’80% mediante sconto in fattura, effettuato dall’operatore turistico-ricettivo, e per il restante 20% sotto forma di detrazione di imposta utilizzabile in dichiarazione dei redditi dal turista.
Il destinatario di questa iniziativa è un solo membro del nucleo familiare, il quale potrà utilizzare il credito fino ai seguenti limiti:

  • € 500,00 per nuclei familiari composti da 3 o più persone;
    € 300,00 per nuclei familiari composti da 2 persone;
    € 150,00 per quelli composti da una sola persona.

Requisiti

L’ammontare del bonus vacanza 2020 varia in base al numero dei componenti il nucleo familiare ed è soggetto ad un tetto massimo di ISEE pari a € 40.000.
Il possesso del requisito ISEE rappresenta la prima condizione necessaria all’utilizzo dell’incentivo.
Il secondo requisito necessario per poter avere diritto al bonus è che:

  • le spese per la vacanza siano sostenute in un’unica soluzione e nei confronti di una sola singola impresa;
  • il totale del corrispettivo sia documentato da fattura elettronica o documento commerciale con indicazione del codice fiscale del beneficiario;
  • il pagamento del servizio avvenga senza l’intervento o l’intermediazione di piattaforme o portali telematici.

E’ possibile invece rivolgersi ad agenzie di viaggio e tour operator.
La vacanza in questione deve essere effettuata e pagata dal 1° Luglio 2020 fino al 31 Dicembre 2020.
E’ importante sottolineare come sia fondamentale l’adesione all’iniziativa delle varie imprese turistiche, le quali dovrebbero sostenere lo sconto in fattura e quindi farsi carico dell’80% del credito di imposta.

Funzionamento

Al turista è riconosciuto un bonus pari al 100% della spesa effettuata, entro i limiti già specificati in funzione del numero di membri (€ 500,00 – € 300,00 – € 150,00)
Il credito a cui si ha diritto è così ripartito:

  • 80% a mezzo sconto in fattura, che opererà l’impresa turistica stessa,
  • il restante 20% sotto forma di detrazione fiscale che il turista potrà successivamente recuperare in dichiarazione dei redditi.

A titolo di esempio. Famiglia composta da 4 persone con Isee inferiore a 40.000 €. Avrà diritto ad un importo massimo di 500 euro quale Bonus. Solo uno dei 4 componenti può fruirne. Se il costo della vacanza è pari a 600 €, il beneficiario riceverà uno sconto in fattura di € 400 e dovrà pagare alla struttura € 200. Di questi 100 € potrà recuperarli nella dichiarazione dei redditi del prossimo anno.

Famiglia composta da 2 persone, con Isee inferiore a 40.000 €. Avrà diritto ad un importo massimo di 300 euro quale Bonus. Può sempre usufruirne un solo membro. Se il costo della vacanza è pari a 250 €, il beneficiario riceverà uno sconto in fattura di € 200 e dovrà pagare € 50. Come già detto, questi ultimi li recupererà nella dichiarazione dei redditi successiva.

Il bonus potrà essere richiesto e sarà erogato in forma digitale attraverso SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica). Al momento della richiesta del bonus, infatti, si dovranno inserire le credenziali SPID e successivamente fornire l’Isee. Se non hai la tua identità digitale richiedila (SPID e CIE 3.0).

Qui di seguito è possibile scaricare un utilissimo Tool, compatibile con Excel, attraverso cui effettuare le simulazioni di calcolo per il tax credit vacanze.

Tool Calcolo Bonus Vacanza

Articolo a cura del Dottor Piero Alberto Ancona

Partecipa alla discussione

FaceTheJungle