Continua a crescere la liquidità degli italiani

Continua a crescere la liquidità degli italiani

liquidità italiani

Le formiche italiane continuano a stupire chi non è indotto a scambiarle per cicale dalla evidente disonestà intellettuale o dal semplice interesse a cercare di impedire al nostro Paese di operare a pieno ritmo sui mercati internazionali.
A dimostrarlo è il bollettino stilato da Bankitalia e relativo al mese di maggio. Nel corso del quale i depositi del settore privato hanno dato vita ad una crescita del 7,5% su base annua, a fronte del +6,8% fatto registrare ad aprile. Il dato è del resto confermato dal Rapporto Censis-Assogestioni intitolato “Il valore della diversità nelle scelte d’investimento prima e dopo il Covid-19”.

Più del Piano Marshall

Nel corso degli ultimi tre anni, sui conti degli italiani sono stati parcheggiati 121 miliardi di euro, l’equivalente dell’ormai mitico Piano Marshall. Mentre la liquidità nei portafogli delle famiglie italiane è aumentata nell’ordine di 34,4 miliardi di euro nei mesi più neri da febbraio ad aprile, quando il Covid-19 ha costretto il Paese alla chiusura.
La stessa ricerca non ha potuto esimersi da una vera e propria stilettata, ricordando che in pratica si tratta della stessa cifra che il nostro Paese dovrebbe ricevere dal Mes, incatenandosi mani e piedi alla Trojka e, soprattutto, ai Paesi cui ormai da due decenni l’Italia continua a versare sostanziosi oboli. Venendo ripagata a suon di insulti.

Per la Commissione UE e la BCE sarebbe un pessimo segnale

Per non smentirsi mai, dall’Europa giungono reazioni negative alla resilienza dei risparmiatori italiani. Secondo Commissione UE e BCE, infatti, la persistente capacità degli italiani di risparmiare pur nella quasi totale assenza di aiuti statali, almeno se raffrontati alla vera pioggia di soldi tirati fuori da Paesi come la Germania o la Francia (senza scomodare Stati Uniti e Giappone) sarebbe indice di un sentimento negativo.
Forse per i nostri sedicenti amici europei sarebbe preferibile che in Italia venisse annichilito anche il risparmio privato, dopo aver praticamente contribuito a manomettere l’economia tricolore a furia di robuste dosi di austerità. Che non a caso vengono ancora richieste in cambio di aiuti che all’atto pratico l’Italia può strappare agevolmente sui mercati.

Partecipa alla discussione

FaceTheJungle