efficienza-energetica-casa-contro-inquinamento-atmosferico

La lotta all’inquinamento atmosferico parte dalle nostre abitazioni

Il tema del riscaldamento globale e dell’inquinamento atmosferico è sempre più d’attualità. Se ormai da decenni si discute della necessità di cambiare il modo di produrre l’energia di cui abbiamo bisogno nella vita di tutti i giorni, nel corso degli ultimi anni tale discussione ha assunto una valenza ancora più pressante.

Come dimostra la grande attenzione destata dalla vicenda di Greta Thunberg, l’adolescente svedese che ha raccolto un vasto fronte d’opinione pronto a sostenerne la battaglia ambientale. Un fronte il quale è riuscito a farsi sentire anche ai livelli istituzionali più alti. Come dimostra la crescente attenzione dell’Unione Europea in tema di transizione energetica. In attesa che i piani elaborati al proposito possano iniziare a dispensare i loro effetti, anche dalle nostre abitazioni può iniziare la battaglia per un mondo meno inquinato.

La necessità di rendere più efficienti le nostre abitazioni

L’efficientamento energetico delle abitazioni rappresenta uno dei modi più efficaci per lottare contro l’eccessivo inquinamento atmosferico.

Una modalità la quale è stata del resto promossa con grande forza in Italia nel corso degli ultimi anni. Consegnando al nostro Paese un ruolo di assoluto rilievo a livello globale, in tal senso. Come dimostra del resto la decisione di promuovere una misura come il bonus del 110% a favore di chi dia vita ad interventi di questo genere all’interno della propria casa.

Una misura destinata a dare respiro all’economia in un momento reso molto complicato dalla diffusione del Covid-19. E che trova terreno fertile in aziende come Tatano energie rinnovabili, da tempo in grado di dare risposte di valore ad una esigenza sempre più diffusa.

Perché è necessario l’efficientamento energetico delle abitazioni?

Per capire l’impatto positivo sull’ambiente derivante da un efficientamento energetico delle nostre abitazioni, basta in effetti dare uno sguardo alla Guida pratica che l’Enea ha pubblicato in tal senso. Dal quale si deduce che quasi il 40% del consumo energetico finale e più del 36% delle emissioni di gas serra deriva dagli edifici.

L’Italia, purtroppo, nonostante i passi avanti in avanti fatti con la proposizione delle detrazioni fiscali a favore di chi opti per interventi di questo genere, vede ancora i tre quarti degli edifici non sufficientemente efficienti. Stiamo in pratica parlando di  oltre un milione di condomini che sono stati costruiti prima degli anni ’90. Ovvero quando ancora il Piano energetico nazionale basato sull’utilizzo razionale dell’energia, sul risparmio energetico e sullo sviluppo delle fonti rinnovabili non era stato formulato.

Gli interventi possibili

Quali sono gli interventi sugli edifici che potrebbero dare risultati in grado di incidere sulla realtà? Secondo gli esperti, le direttive in cui muoversi per ridurre gli sprechi sono praticamente quattro:

  1. l’impiego di tecnologie in grado di promuovere l’isolamento termico dell’involucro edilizio;
  2. l’uso di impianti in grado di produrre energia sia termica che elettrica;
  3. un ricorso sempre più forte delle energie rinnovabili;
  4. la promozione della domotica, ovvero il ricorso a tecnologie digitali in grado di monitorare i consumi e automatizzare il funzionamento di elettrodomestici, caldaie e altri impianti domestici.

Interventi costosi

Come si può facilmente capire, si tratta di interventi a volte molto costosi. Quindi difficili da promuovere in un Paese come il nostro ove i livelli salariali sono stati compressi da anni e anni di scelte sbagliate. E dove molte economie domestiche risentono da un lato della lunga crisi economica che ha fatto seguito allo scoppio della bolla dei mutui Subprime, nel 2008, e dall’altro degli effetti nefasti del prolungato lockdown deciso al fine di arginare la pandemia di coronavirus che ha toccato il nostro Paese.

Proprio per questo l’esecutivo ha deciso di adottare una misura come quella del bonus del 110% per gli interventi di efficientamento energetico delle abitazioni. Mettendo insieme le esigenze delle famiglie e quelle di un ambiente sempre più bisognoso di essere preservato, prima che sia troppo tardi.

Non hai trovato quello che cercavi?

» Cercalo su Amazon «

Non hai trovato quello che cercavi?

Cerca il tuo libro su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *