Moneyfarm, sede territoriale

Moneyfarm, i consigli in tempo di coronavirus

La situazione indotta dal coronavirus è destinata a riflettersi in maniera molto profonda sui mercati e sul ciclo economico. Basta dare uno sguardo ai bollettini sulla vera e propria gelata dei consumi indotta dal lockdown per capire come ci si trovi in un momento molto particolare. Soprattutto per chi ha dei soldi da investire, ma non sa dove rivolgere il suo sguardo considerata la flessione in atto delle Borse globali.

Proprio per questo motivo diventa importante ascoltare i consigli di chi fa finanza giorno dopo giorno. Come gli analisti finanziari di Moneyfarm, azienda che ormai dal 2011 ha saputo conquistare il gradimento di una massa sempre crescente di clienti. Un feeling reso possibile proprio dai risultati conseguiti nel corso degli anni, facendone un vero e proprio punto di riferimento per gli investitori.

Come affrontare l’emergenza in atto?

A cercare di fare chiarezza su ciò che sta accadendo è Richard Flax, CIO di Moneyfarm. Il quale parte da un punto ben preciso: occorre assolutamente evitare di farsi prendere dal panico e reagire d’impulso. Chi vuole ottenere un ritorno dal proprio investimento è tenuto a ragionare in un’ottica di obiettivi di investimento e di orizzonte temporale.

Se ognuno di noi è caratterizzato da alcune peculiarità (soglia di tolleranza al rischio, situazione patrimoniale e altro) e può manifestare alcune distorsioni comportamentali nelle situazioni di emergenza, proprio per questo è necessario affidarsi a chi è abituato a ragionare con freddezza anche di fronte a eventi imprevisti. Come in effetti è il Covid-19.

Basterebbe in effetti mettere a confronto i portafogli di chi ha deciso di uscire in concomitanza delle fasi difficili degli ultimi dieci anni e di chi, al contrario, ha deciso di non disinvestire, per rendersi conto del fatto che i secondi sono riusciti a far crescere maggiormente, nell’ordine del 35%, il loro investimento.

La spiegazione di questi dati è da ricercare nel fatto che i primi si sono in pratica persi i cosiddetti rimbalzi dei mercati, di cui invece hanno potuto approfittare i secondi. Rimbalzi che sono la consuetudine dopo le grandi crisi.

Maggiori informazioni su Moneyfarm →

La crisi è destinata a finire

Sempre secondo Richard Flax, quando la crisi sociale e sanitaria sarà alle nostre spalle sarà il momento di dare vita ad una valutazione più certa del quadro economico.  Già questo modus operandi contribuirà a diminuire un primo livello di incertezza, facilitando la ripresa, che potrebbe avvenire in capo a qualche mese o necessitare di un arco temporale più lungo.

Va comunque sottolineato come proprio l’andamento storico dei mercati indica nelle aspettative di un ritorno alla crescita il fattore in grado di far risalire i mercati, ancora prima che quella ripresa prenda corpo. Mancare la ripresa, che avverrà sicuramente, porterà agli investitori che decideranno di uscire dal mercato danni molto estesi, in quanto impedirà loro di agevolarsene. Un consiglio da tenere sicuramente in considerazione.

Scopri di più su Moneyfarm.com →

Cosa fare, secondo Moneyfarm

A monitorare costantemente la situazione, per agevolare la clientela, è il Comitato Investimenti Moneyfarm. Cui spetta il compito di formulare scenari in grado di prevedere cosa potrà accadere nel futuro. Quello più probabile, nel medio periodo, è quello relativo ad un ribasso anche molto pronunciato dei mercati, nell’ordine del 10% almeno.

Va però considerato che si tratta di ribassi ancora inferiori a quelli che avevano avuto luogo nel 2018, quando si era generata una corrente di sfiducia sulle prospettive economiche, derivante dai timori per la tenuta dell’economia globale. In quell’occasione i ribassi arrivarono anche oltre il 20%, per poi rientrare.

Proprio per questo gli analisti di Moneyfarm hanno deciso di non rivedere le prospettive di redditività nel lungo termine di azionario e obbligazionario. Il quadro strategico che era stato disegnato all’inizio dell’anno rimane pertanto ancora valido, a meno di accelerazioni improvvise di alcune dinamiche in atto.
Proprio per questo motivo, l’azienda consiglia ai propri clienti un approccio tale da non cedere all’emotività e ad un impulso a disinvestire che potrebbe rivelarsi estremamente dannoso.

Visita il sito di Moneyfarm →

Non hai trovato quello che cercavi?

» Cercalo su Amazon «

Non hai trovato quello che cercavi?

Cerca il tuo libro su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *