Su quali azioni puntare questa settimana? I titoli più interessanti su cui investire (28-31 Dicembre 2020)

Su quali azioni puntare questa settimana? I titoli più interessanti su cui investire (28-31 Dicembre 2020)

Buoni fruttiferi postali

Si apre l’ultima settimana di un anno destinato a restare impresso nella memoria di molti, funestato dall’emergenza sanitaria legata al diffondersi a livello globale del Covid 19. Una pandemia che si è abbattuta con inusitata violenza anche sul ciclo economico, dando vita alla più grande recessione globale di cui si abbia memoria.

Per gli investitori è stato quindi un anno molto problematico, come del resto testimoniato dal quasi 7% in meno fatto registrare dal FTSE-Mib. E anche i prossimi mesi potrebbero proseguire sulla stessa falsariga, considerato come la vaccinazione di massa sia soltanto all’inizio e si prospettino periodi più o meno ampi di chiusure per cercare di limitare gli effetti del virus. In questo quadro andiamo a vedere cosa si prospetta nei prossimi giorni per chi ha intenzione di non dismettere i propri investimenti.

Poste Italiane

Iniziamo la consueta carrellata con Poste Italiane. Il gruppo ha iniziato a muoversi già nel corso della passata settimana sull’onda delle anticipazioni dell’amministratore delegato Matteo Del Fante, secondo il quale l’azienda sarebbe ormai pronta ad aprire due grandi aggregatori in Cina, ovvero due strutture fisiche in joint venture con gruppi logistici i quali già collaborano Alibaba e JD, destinate ad occuparsi di tutti gli ordini dei clienti italiani in Cina. Inoltre le strutture di Poste Italiane starebbero già lavorando alla logistica dei vaccini contro il coronavirus.
Sempre Del Fante, nel corso di una intervista rilasciata a Repubblica, ha poi accennato ai programmi sul fronte assicurativo, in cui l’azienda si propone di aumentare l’offerta di protezione alla persona e di far partire dal prossimo gennaio la RC Auto vendendo i prodotti di Generali e Unipol agli sportelli. Proprio la novità legata al settore automobilistico ha spinto gli analisti di Mediobanca Securities a rilasciare un giudizio “Outperform” su Poste Italiane, ponendo il target price a quota 11 euro.

Fca

La seconda segnalazione spetta di diritto a Fca, che si appresta ad avvalersi della spinta propulsiva rappresentata dal via libera di Bruxelles alla fusione con Psa, ovvero all’ormai prossimo avvento di Stellatlantis. Una notizia che è stata naturalmente accolta con favore dalla Borsa e dagli analisti. In particolare quelli di Intesa Sanpaolo e di Equita, i quali confermano il loro rating “Buy”, proprio in considerazione del fatto che la fusione tra i due gruppi, la quale condurrà al varo del quarto agglomerato automobilistico a livello globale, dovrebbe arrivare in porto addirittura in anticipo rispetto ai tempi che erano stato preventivati in un primo momento. Permettendo al gruppo italo-americano di migliorare la sua posizione nel settore dei veicoli elettrici/ibridi, ovvero in quello che è stato una sorta di nervo scoperto nel corso degli ultimi anni.

Diasorin

Una conferma nella nostra lista di raccomandazioni per la settimana entrante spetta di diritto a Diasorin. Il gruppo sanitario piemontese non è andato bene nell’ultima settimana, nonostante le attese positive destate dalla notizia relativa alla decisione assunta dal Consiglio di Stato, il quale aveva approvato la legittimità dell’accordo tra la società e il policlinico San Matteo di Pavia. Un andamento il quale potrebbe però ribaltarsi ben presto, sulla scia dei timori innescati nell’opinione pubblica dalle notizie relative alla variazione del Covid, le quali potrebbero rinnovare un atteggiamento di prudenza a livello sanitario. Creando in tal modo le condizioni ideali per un’azienda che ha visto nel corso dell’anno crescere la propria quotazione del 44% proprio in considerazione del suo ruolo assolutamente strategico in un momento così delicato.

Enel

A chiudere la lista settimanale è un cliente ormai consueto delle nostre raccomandazioni, ovvero Enel. Il gruppo energetico infatti sembra essere nella posizione ideale per avvantaggiarsi della recente decisione presa dal Senato degli Stati Uniti di approvare il pacchetto di stimoli fiscali da 900 miliardi di dollari. Un provvedimento nel quale sono comprese anche misure destinate ad andare in direzione della lotta al cambiamento climatico. In particolare, il pacchetto di stimoli prevede una vasta serie di nuove misure a favore delle fonti di energia rinnovabile, tra cui le estensioni del credito d’imposta e nuovi programmi di ricerca e sviluppo.
L’azienda, inoltre, ha avviato tramite la controllata statunitense Enel Green Power North America l’espansione di 199MW del parco eolico di Cimarron Bend nella contea di Clark, in Kansas. Si tratta del più grande impianto rinnovabile di proprietà Enel attualmente in funzione a livello globale. E, ancora, è da sottolineare come abbia iniziato ad operare il parco eolico White Cloud, dotato di una capacità pari a 236,5 MW e posizionato nella contea di Nodaway in Missouri. Il mix tra i due siti eolici ha portato la capacità totale di Enel nel 2020 negli Stati Uniti e in Canada a 865 MW.

Consigli per gli acquisti

L’ultima settimana dell’anno si presenta abbastanza interlocutoria, proprio in considerazione della consueta pausa di riflessione che accompagna la sua fine e l’avvento del nuovo. E’ del tutto lecito attendersi la conferma di quanto avvenuto nel corso degli ultimi mesi, senza particolari voli pindarici da parte degli investitori.

Ovvero le puntate su titoli difensivi e altri in grado di avvantaggiarsi di quanto sta accadendo. Ad esempio su aziende legate alla transizione energetica o al commercio elettronico. Mentre sembrano al momento da scartare i titoli di un settore come quello petrolifero, il quale sembra destinato a frenare ulteriormente, proprio sull’onda lunga innescata dalla decisione delle autorità politiche di ogni parte del globo di puntare su un modello di sviluppo più sostenibile a livello ambientale. Discorsi i quali, comunque, andranno affrontati meglio una volta passate le feste.

Partecipa alla discussione

FaceTheJungle
Chiudi

Privacy Overview

This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Out of these cookies, the cookies that are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic functionalities of the website. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. These cookies will be stored in your browser only with your consent. You also have the option to opt-out of these cookies. But opting out of some of these cookies may have an effect on your browsing experience.
Necessary
Sempre abilitato

Necessary cookies are absolutely essential for the website to function properly. This category only includes cookies that ensures basic functionalities and security features of the website. These cookies do not store any personal information.

Non-necessary

Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. It is mandatory to procure user consent prior to running these cookies on your website.

ACCETTA E SALVA