Su quali azioni puntare questa settimana? I titoli più interessanti su cui investire (8-12 Marzo 2021)

Su quali azioni puntare questa settimana? I titoli più interessanti su cui investire (8-12 Marzo 2021)

Certificati Twin Win

Com’era prevedibile, non è stata una settimana agevole per Piazza Affari. L’indice FTSE-Mib ha infatti fatto registrare una ulteriore contrazione dell’1,29%, la seconda consecutiva, a riprova di un momento non esaltante.

I venti che continuano a spirare sull’economia reale sono molto contrastati, con un virus il quale sembra pronto a riversare la sua terza ondata anche sul nostro Paese. Tanto da spingere il governo a pensare ad una ulteriore stretta sulle attività non essenziali, la quale potrebbe però dare un colpo molto serio alle speranze di ripresa a breve termine.

Una situazione la quale inizia a farsi sentire anche sulle piazza finanziarie, coi listini che cedono una parte di quello che avevano guadagnato anche nei mesi più duri della pandemia. Come dimostra del resto Wall Street, che si muove in territorio negativo rispetto al dato di inizio anno.

In questa situazione, non è di conseguenza facile riuscire a capire quali possano essere le ancora di salvezza per chi è alla ricerca di asset sui quali investire. Proviamo comunque a individuarne alcuni, come di consueto.

Saipem

Il primo titolo che andiamo a segnalare in vista della settimana entrante è quello di Saipem, che ha già visto premiato il titolo sul finire della passata. A convincere gli investitori non solo la nuova fiammata del petrolio, dopo la decisione a sorpresa dell’Opec+ di mantenere stabile la produzione nel corso del mese di aprile, ma anche l’intesa con Alboran Hydrogen per la produzione di idrogeno verde in Italia. A seguito della quale è stato firmato un Memorandum of Understanding (MoU) per lo sviluppo congiunto e la realizzazione di cinque impianti per la produzione di idrogeno verde mediante elettrolisi, tre dei quali posizionati lungo i confini nazionali, con i due rimanenti in Albania e Marocco. Premiata particolarmente la Puglia, con la creazione di un distretto dell’idrogeno verde imperniato su tre impianti situati rispettivamente nei territori di Brindisi, Taranto e Foggia. L’accordo prevede anche il coinvolgimento del Distretto Tecnologico Nazionale dell’Energia, dell’Università La Sapienza di Roma, di quella del Salento e della Cittadella della Ricerca di Brindisi.

Enel

Dopo un periodo di difficoltà, la settimana entrante potrebbe tornare a premiare Enel. A rendere possibile una nuova crescita sono in particolare due fattori: l’emissione di un maxi Bond e il nuovo progetto messo in cantiere in Texas.
Per quanto concerne il primo, si tratta, si tratta di un bond non convertibile subordinato ibrido perpetuo multitranche denominato in euro e destinato a investitori istituzionali, il cui ammontare complessivo è pari a 2,25 miliardi di euro. Un livello largamente superato dalle richieste, che sono pari a 7,8 miliardi.
Per quello che riguarda il secondo aspetto, il gruppo sarebbe pronto a realizzare in Texas il primo impianto ibrido, eolico più sistema di storage, su vasta scala. Azure Sky, questo il nome del progetto, provvederà a integrare nello stesso sito un impianto a energia eolica e lo stoccaggio a batteria. Per poi vendere a Kellogg Company, grazie ad un Virtual Power Purchase Agreement (VPPA) da 100 megawatt, 360 gigawattora dell’elettricità immessa in rete ogni anno, ovvero la metà dell’energia impiegata dagli impianti di produzione di Kellogg Nord America. Un progetto che ha spinto gli analisti di Equita a confermare il giudizio positivo sul titolo Enel.

Finecobank

Chiude la rassegna settimanale Finecobank, che ha visto una notevole accelerazione della raccolta nel corso del mese di febbraio. Il dato mensile si è infatti attestato a quota 1,3 miliardi, con una crescita del 64% rispetto ai 771 milioni messi a segno nello stesso mese dell’anno precedente. Mentre ammonta a 14.403 il numero dei nuovi clienti della piattaforma.
Altro dato da mettere in adeguato rilievo è quello relativo al sorpasso del numero degli ordini provenienti dai clienti esteri rispetto a quelli messi in atto dagli utenti dislocati lungo la penisola. Un segnale di apprezzamento di non poco conto, il quale potrebbe preludere ad una ulteriore crescita nel corso dei prossimi mesi. Un andamento tale da giustificare il feedback positivo da parte di Mediobanca Securities, i cui analisti hanno confermato il precedente giudizio neutral sul titolo, fissando il target price a quota 12,4 euro. Motivandolo in particolare con il fatto che il risparmio gestito ha fatto registrare flussi superiori del 92% rispetto alla media mensile riportata lo scorso anno.

Consigli per gli acquisti

Come muoversi nel corso della prossima settimana, con una situazione che sembra volgere nuovamente al peggio? Una delle direttrici che sembra attualmente in grado di premiare gli investitori è il settore petrolifero, il quale già si è avvantaggiato delle dinamiche emerse in seno ai Paesi produttori di petrolio. Con Tenaris, in particolare, che sembra destinata a giovarsi di una tendenza molto positiva emersa nel corso della settimana passata, ma non solo.

Altro settore da tenere d’occhio è quello assicurativo. Ove sembra al momento da scansare il titolo di Unipol, il quale sembra destinato a scontare in maniera salata i rumors che continuano a rincorrersi su una imminente intesa tra Banco BPM e Cattolica sul futuro delle due joint venture assicurative. L’ipotesi inversa, ovvero quello relativa ad una rottura tra le parti avrebbe in effetti spianato la strada a un’intesa con Unipol, che in questo caso tramonterebbe malinconicamente.

Infine attenzione a Nexi: l’azienda sembra destinata a scontare in maniera molto negativa la revisione del piano cashback di cui si continua a vociferare, da parte del nuovo governo guidato da Mario Draghi. Di cui era stata sinora la principale beneficiata.

Partecipa alla discussione

FaceTheJungle
Chiudi

Privacy Overview

This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Out of these cookies, the cookies that are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic functionalities of the website. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. These cookies will be stored in your browser only with your consent. You also have the option to opt-out of these cookies. But opting out of some of these cookies may have an effect on your browsing experience.
Necessary
Sempre abilitato

Necessary cookies are absolutely essential for the website to function properly. This category only includes cookies that ensures basic functionalities and security features of the website. These cookies do not store any personal information.

Non-necessary

Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. It is mandatory to procure user consent prior to running these cookies on your website.

ACCETTA E SALVA