Vuoi trovare un lavoro? Mandare Curriculum non è la strategia migliore

Vuoi trovare Lavoro? Mandare Curriculum non è la strategia migliore

Il caro vecchio curriculum vitae, da sempre croce e delizia di chi vuole cercare un lavoro. Ovviamente appena si vuole trovare un nuovo impiego si tende a compilare un cv e a mandarlo alle varie aziende, per poter iniziare ad avere dei contatti. Ma spesso, come ben sappiamo, le aziende tendono a scartare.

Questa è davvero la strategia giusta da mettere in atto per avere successo? Purtroppo il curriculum è un elemento importante ma ormai superato, proprio perché sono cambiate le circostanze. Il mondo del lavoro ha subito una rivoluzione, dunque gli strumenti del passato rischiano di essere anacronistici. A spiegare la questione è Marco Montemagno, imprenditore digitale e startupper.

La sua analisi, perfetta sotto molti punti di vista, spiega quali sono le ragioni per cui il cv può essere ormai un’arma meno affilata di quello che si crede: i tempi cambiano e anche chi cerca lavoro deve fare attenzione a come cambia il mondo.

Perché il cv non ha più lo stesso appeal di un tempo?

Vediamo quali sono i punti salienti analizzati da Montemagno:

  • Il cv rappresenta il passato di una persona, ma soprattutto non rispecchia in pieno le capacità del singolo. È uno storytelling, spesso un pochino romanzato rispetto alle reali capacità. Alle aziende interessa cosa sai fare e cosa sai mettere in atto per permettere loro di trarre un vantaggio, ovviamente economico.
  • È cambiato il livello di attenzione. Adesso la concorrenza è davvero alta e le aziende, rispetto a prima, ricevono tantissimi cv. Anche la selezione dei cv stessi viene fatta in maniera più approssimativa rispetto al passato. Prima il curriculum vitae era visto come un biglietto da visita, oggi è quasi un peso per le aziende che devono assumere qualcuno, spesso esterno, per poter valutare i singoli profili.
  • Cambiamento totale del contesto. Non è detto che il curriculum sia un problema in tutte le occasioni. Ci sono contesti in cui può andar bene inviare un cv, altre in cui è meglio cambiare strategia. Alcune aziende, di solito non i grandi marchi, preferiscono ancora questo approccio. Se è espressamente richiesto è bene mandarlo, ma nella maggior parte dei casi c’è uno scenario del lavoro completamente opposto.

Cerchi lavoro? Ecco alcune strategie che puoi applicare

Montemagno, oltre ad analizzare il motivo del mancato appeal dei curricula, consiglia anche nuove strategie. Sicuramente l’analisi del contesto è doverosa, serve assolutamente capire se quella determinata azienda ha bisogno o meno del curriculum. L’importante è prendere i contatti, poi semmai inviare il cv in base anche alle richieste della singola azienda. Meglio trattare le aziende nel modo che loro considerano più consono.

Ad un’azienda ci si può avvicinare in molti modi, come ad esempio una proposta: saper scegliere il momento giusto per poter proporre una soluzione è un’arte, alla pari del saper inviare curriculum. Il tuo futuro capo deve capire chi ha davanti e quello che puoi dare all’azienda in termini di innovazione, guadagno o risparmio.

Sfruttare la tecnologia può essere un’arma vincente. Non bisogna mandare cv con email spam, ma bisogna saper attirare i clienti o i datori di lavoro in modo sano. Un sito in grado di presentarti al meglio può essere una soluzione, la visibilità che dà il digitale è da sfruttare al massimo. Quando si parla di contesti si intende anche questo, visto che i mezzi di oggi non sono minimamente paragonabili a quelli di ieri.

Anche i mezzi come LinkedIn sono ben accetti,  visto che molte aziende hanno scelto strade simili. Mettersi in mostra e avere un profilo adeguato ti aiuta a cercare lavoro. I social, al giorno d’oggi, sono molto importanti e spesso le aziende valutano il profilo proprio da Instagram, Facebook o Twitter.

Un altro modo per distinguersi dalla massa è quello di scegliere un’altra strada. Sei un grafico? Proporre un’immagine o una pubblicità ad un grande marchio, diversa da quelle attuali, potrebbe aiutarti a metterti in mostra. Un’azione pratica che può fruttare di più rispetto ad un curriculum. Perché, come dice Montemagno, “se arrivi da un’altra strada avrai attirato l’attenzione”. Di questi periodi non è assolutamente un qualcosa di negativo, anzi.

Non hai trovato quello che cercavi?

» Cercalo su Amazon «

Non hai trovato quello che cercavi?

Cerca il tuo libro su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *